RUBRICHE | PROFONDO BLU | La Croce di Santo Stefano al Mare
La Croce di Santo Stefano al Mare

 Santo Stefano al Mare .La prua della barca punta verso il largo: ad un miglio dalla costa, nella provincia di Imperia c’e una secca, famosa per le sue praterie di gorgonie rosse ,che crescono soprattutto attorno al  fondale dove i sub incontrano la Croce.

Il fondale degrada dai 20 ai 40 metri. A quota 36, c’e’ la Croce, 4 metri d’altezza,fissata li,dieci anni fa, da una società subacquea piemontese,chissa’ per quale grazie ricevuta.
Quando il branco di Castagnole lascia libera la visuale,la Croce mostra tutto l’ amore del mare : una corteccia d’incrostazioni fatta di micro organismi marini e di spugne,che l’avvolgono e l’assalgono in ogni suo centimetro.
Un piccolo rosario ,appeso,e’ muto testimone di una devozione.

La prateria di gorgonie rosse  e’ bellissima.
Difficile vederne di cosi’ grandi dimensioni. I  rami possono arrivare sino ad un metro di estensione,proprio come qui,sulla Secca.
I ventagli  si alzano perpendicolari alla corrente,per carpire, dal movimento dell’acqua, tutto il nutrimento di cui hanno bisogno.
Le gorgonie sono colonie ramificate di minuscoli polipi di pochi millimetri che si nutrono filtrando l’acqua del mare.

C’e’ molto pesce attorno, negli anfratti e nelle spaccature,per cui e’ facile incontrare, di passaggio,  pesci di grossa taglia, cernie e dentici,soprattutto.

Scendere sulla Secca rinnova,emozioni ad ogni momento,perche’ i suoi 8 chilometri di paesaggi, cambiano in continuazione : il Canyon, il Canalone,l’Anfiteatro,e altri nomi ancora.
Ma e’ giusto il  tempo di risalire,per non rischiare.

Languages: Italiano
RELATED