RUBRICHE | IL VIAGGIO IN LIGURIA | Palazzo Ducale
Palazzo Ducale

Simbolo della nuova vocazione turistico-culturale di Genova, é stato costruito alla fine del XII secolo. Nel 1339 divenne residenza dei dogi della Repubblica genovese. E' stato restituito alla città e ai turisti di tutto il mondo nel 1992, in occasione delle Celebrazioni Colombiane, dopo un accurato lavoro di restauro guidato dall'architetto Giovanni Spalla. Il rinnovamento ha consentito di recuperarne l'architettura tardo-cinquecentesca senza tuttavia distruggerne le testimonianze raccolte attraverso i secoli. Nel piano nobile, cui si accede mediante uno scalone diviso in due rampe simmetriche, si affacciano gli ambienti più prestigiosi: l'appartamento del Doge, la Cappella e le Sale del Maggior e Minor Consiglio. La Torre sulla quale sventola la bandiera della città, detta 'del Popolo' o 'Grimaldina', ospitava le carceri con grandi camerate col soffitto a volta dove i detenuti venivano incatenati. Palazzo Ducale ospita mostre prestigiose, con visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Nel 2001 è stata la sede politica del summit dei G8.
IL CORTILE MAGGIORE (PALAZZO DUCALE)
Questo splendido spazio, fortemente scenografico con la volta a vela e i due cortili colonnati, è stato realizzato nel ‘500 dal ticinese Andrea Ceresola, detto il Vannone, che venne chiamato a ristrutturare e ampliare il Ducale. Oggi fa da cornice all'incontro tra arte, cultura e varie attività commerciali con librerie, negozi d'arte antica e laboratori di restauro.
SCALONE PRINCIPALE (PALAZZO DUCALE)
All'architetto cinquecentesco Vannone, nell'ambito della ristrutturazione operata per dare all'edificio una fisionomia più adeguata all'importanza e al cerimoniale della Repubblica di Genova, si deve anche l'ampio scalone che sale dal centro dell'atrio dividendosi in due rampe simmetriche contrapposte portando al piano nobile di Palazzo Ducale.
PIANO NOBILE (PALAZZO DUCALE)
Rappresenta il cuore di Palazzo Ducale. Qui, sull'elegante loggiato del Cortile Maggiore, austero e raffinato, si affacciano gli ambienti più prestigiosi dell'intero palazzo: l'appartamento del Doge, la Cappella e le due splendide sale, del Maggior e Minor Consiglio.
SALA DEL MINOR CONSIGLIO (PALAZZO DUCALE)
Arricchita con lesene scanalate in stucco dorato, oggi è spesso sede di congressi e concerti. Venne ornata dal pittore savonese Carlo Giuseppe Ratti, autore sia dell'affresco sulla volta, che rappresenta 'L'apoteosi della Repubblica con l'allegoria della Divina Sapienza', sia dei 13 quadri alle pareti raffiguranti 'Le allegorie delle Virtù del Buon Governo'.
SALA DEL MAGGIOR CONSIGLIO (PALAZZO DUCALE)
Nella sala in cui venivano incoronati i Dogi e ricevuti i Capi di Stato in visita alla Repubblica di Genova, sono stati ospitati gli incontri politici del summit dei G8. Presenta un fastoso apparato decorativo con marmi e stucchi in perfetto accordo cromatico, in gran parte realizzato in previsione della visita di Napoleone nel 1805. Si possono ammirare: statue, lunette in tela dipinta e sulla volta un'opera del 1875, 'L'allegoria del commercio dei liguri', che sostituì un grande affresco del Tiepolo purtroppo perduto.
TORRE (PALAZZO DUCALE)
La 'Torre del popolo' o 'Torre Grimaldina' domina il centro storico. Un intervento di restauro realizzato all'inizio del XX secolo l'ha ricondotta nella sostanza all'assetto trecentesco. Fino a metà del ‘900 venne utilizzata come prigione. Nelle celle sono stati recuperati, oltre ai graffiti di detenuti politici ottocenteschi, i disegni realizzati sulle pareti da alcuni dei principali artisti genovesi del ‘600 e del ‘700 qui imprigionati. E' una struttura di sette piani di cui i primi quattro fanno parte integrante del complesso del Ducale. Sulla sua sommità sventola la bandiera di Genova con la croce di San Giorgio.

Languages: Italiano
RELATED