RUBRICHE | IL VIAGGIO IN LIGURIA | Andar per Monasteri e Santuari
Andar per Monasteri e Santuari

L'andar per monasteri e santuari, visitando e vivendo la vita dei luoghi dello spirito, è una di quelle forme di turismo alternativo, di grande valore formativo, che trova una ottima risposta in Liguria.

Una semplice e pratica mappa, 5 euro il suo costo, segnala 170 tra monasteri, conventi, santuari, e abbazie, importanti ed attrezzati, su un totale di oltre 200.

Le foresterie offrono quasi sempre accoglienza,ma non sono alberghi.

Bisogna informarsi sulle regole, sui servizi minimi che offrono, sugli orari rigorosi dei pasti in refettorio.

Sono quasi sempre chiuse d’inverno, perchè il riscaldamento costa troppo; sono ospitali d’estate, ma non esiste una tariffa.

Si fa una offerta,avendo attenzione che sia congrua.

La classifica dei luoghi dello spirito piu  visitati in Liguria vede al primo posto,con larghissimo vantaggio, il Santuario della Madonna della Guardia di Genova : 500/600 mila visitatori l'anno.

Il numero di quelli che si fermano la notte è molto piu’ basso, ma il Santuario ha 200 posti letto gestiti da una cooperativa religiosa, una capacità ancora maggiore di servire pasti, fa funzionare  una libreria e un mercatino della solidarietà, con prodotti dei monasteri, del commercio solidale, dei benefattori.

Al secondo posto il santuario del Gesù  Bambino di Praga di Arenzano, al terzo il Santuario dedicato alla Madonna di Montallegro che si raggiunge in funicolare, sopra a  Rapallo del 1558,al quarto posto il Santuario della Misericordia di Savona dove si è fermato a pregare il Papa nella sua recente visita in Liguria, e al quinto posto il Santuario della Madonna di Soviore sopra a Monterosso, che può ospitare gruppi e famiglie.

Ma i percorsi e le citazioni meritevoli valgono per tutti.

C’è un insieme armonioso di spiritualità e bellezza dei luoghi, che lascia sempre stupito il visitatore.

In occasione del Giubileo del 2000, sono stati realizzati molti interventi di recupero e miglioria che hanno consentito di rendere più funzionali le soste, sui percorsi dei pellegrini.

Tutti luoghi-dice la piccola guida-dove è possibile ascoltare quella spiritualità sempre più spesso dimenticata.

Spiritualtà che si può percepire sia in una abbazia millenaria, densa di profumi antichi, sia nel tranquillo chiostro di un monastero dove la vista scorre da sempre con ritmi lenti ed uguali.

Ci vanno i singoli, le famiglie con i bambini, anche le coppie.

Ma dormono insieme solo marito e moglie.

Il convento o il monastero si svegliano alle 5, ci sono almeno quattro momenti di preghiera, tre di pasto in comune, e per chi soggiorna in una cella interna, il lungo silenzio della notte comincia alle 21, dopo la Completa.

Se si dome in una struttura esterna, la luce si spegne alle 23.

Languages: Italiano
RELATED